Cosa visitare a Perugia

Perugia è una meravigliosa città medievale che sorge in cima a una collina e si trova in Umbria, una delle più belle regioni dell’Italia centrale.

A rendere così caratteristica la città sono le strette stradine e le ripide salite, che sovente conducono a dei belvedere che offrono al turista la vista della rigogliosa campagna umbra.
Proprio questa sua struttura tortuosa non consente di coglierne appieno sin dal principio tutta la bellezza, ma è sempre questa stessa disposizione architettonica a conferirle la sua peculiarità.

Ogni visita a Perugia non può non iniziare da Piazza IV Novembre, che ospita la famosa Fontana Maggiore, esempio di spicco della scultura medievale in Italia. Realizzata da i fratelli Pisano sul finire del tredicesimo secolo, si compone di due vasche concentriche di pietra bianca e rosea sulle quali si erge una conca bronzea completata da tre figure femminili connesse alla fondazione della città. La vasca inferiore reca varie raffigurazioni a bassorilievo, mentre quella inferiore è composta da 24 lastre separate da varie figure dell’allegoria e della storia.

Per gli appassionati di arte però, non si può omettere di citare la Galleria Nazionale dell’Umbria, che ospita una delle massime raccolte di opere della regione. I dipinti, risalenti a un periodo compreso tra il 1200 e il 1800, raffigurano prevalentemente temi ecclesiastici, ma al tempo stesso rappresenta una ricca testimonianza della storia umbra e italiana del Medioevo. All’interno della pinacoteca, ordinatamente suddivisa in varie sezioni, si possono trovare opere di artisti quali Orazio Gentileschi e Pietro da Cortona, solo per citarne alcuni, ma anche carte topografiche, tessuti e altri preziosi elementi. Si consiglia di visitare il museo la prima domenica del mese, quando l’accesso è gratuito, ma in ogni caso sono disponibili numerose riduzioni.

Un’altra tappa obbligata nella visita di questa meravigliosa città è rappresentata dalla Cattedrale di San Lorenzo, che si erge in Piazza Danti, dove fu edificata a partire da un progetto del 1300 in sostituzione della preesistente cattedrale romanica. Nonostante la sua costruzione richiese più di un secolo (i lavori terminarono soltanto attorno al 1490), la fiancata laterale e la facciata principale sono rimaste incompiute. A dispetto di ciò, entrambi i suddetti lati si contraddistinguono per alcuni elementi di grande rilevanza architettonica. La facciata principale infatti, presenta un imponente portale barocco realizzato qualche secolo più tardi, nel 1729, da Pietro Carattoli. La fiancata laterale invece, rivolta verso la fontana, presenta un portale (anch’esso realizzato successivamente), un pulpito del ‘400 e un crocifisso ligneo aggiunto durante la “Guerra del sale”.

L’interno conserva poco della versione originale trecentesca e quattrocentesca ed è anzi visibilmente di impronta tardogotica, con struttura a sala, tre navate di uguale altezza e imponenti pilastri a dividere queste ultime.
Parlando di centro Italia si parla indiscutibilmente anche di resti etruschi e Perugia non fa eccezione, ospitando il Pozzo Sorbello (o appunto Pozzo Etrusco), coevo alle mura etrusche. Questo pozzo profondo 37 metri e largo oltre 5, risale al terzo secolo avanti Cristo.

Non si può però parlare di Perugia senza citare il celeberrimo cioccolato del capoluogo umbro. Merita certamente una visita alla fabbrica dei Baci Perugina (che prendono il nome proprio da questa città), situata appena al di fuori del centro storico. In poco più di un’ora è possibile completare la visita alla cosiddetta “Casa del Cioccolato”, degustarne gli ottimi prodotti e fare qualche acquisto. Le occasioni per degustare il cioccolato a Perugia però non mancano e quindi anche nel pieno centro storico troverete numerose cioccolaterie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *